Parrocchia di Santa Margherita

 Home / Attività / Parrocchia di Santa Margherita

Parrocchia di Santa Margherita - Paesana (CN)

DOCUMENTAZIONE FINALE DEI LAVORI DI RESTAURO ORGANO COLLINO 1840

Descrizione tecnica:

L'organo fu costruito dall'organaro Collino nel 1840, con l'utilizzo di materiale antico, di origine settecentesca, proveniente da un organo di Busca, come testimoniato da una nota d'archivio. Si è avuto un'ulteriore conferma del fatto quando, nell'archivio dalla Parrocchia di Busca, è stato ritrovato un documento di cessione delle canne del vecchio organo al Sig Collino proprio in nel medesimo anno. Successivamente lo strumento fu restaurato nel corso del '900 con la sostituzione della pedaliera e di alcuni registri. Lo strumento, collocato in cantoria sopra l'ingresso principale della chiesa, è composto da una tastiera 56 note a trasmissione meccanica (copertura osso) ed una pedaliera, a 18 note parallele con medesima trasmissione. I comandi dei registri sono a manetta ad incastro. E' chiuso in una cassa di legno con decorazioni e dorature in discreto stato di conservazione. Le canne di facciata, in buona lega di stagno, sono in totale 33 con labbro superiore a mitria e disposizione a cuspide centrale. La manticeria è composta da 2 mantici a stella situati nel basamento dell'organo con meccanismo manuale con azionamento a manovella. E' presente l’elettroventilatore installato all'interno dell'organo con valvola regolatrice a tendina. Il materiale fonico è nel complesso presente ed integro; sono state rilevate canne di fattura settecentesca e canne di fatture ottocentesca e novecentesca . Allo smontaggio lo strumento si presenta in pessime condizioni; il somiere presenta evidenti segni di cedimento e parte del materiale fonico è in disordine. Dal punto di vista strutturale l'organo è montato secondo logica di accessibilità ed ordine meccanico; tutti gli elementi sono facilmente raggiungibili anche in normali operazioni di manutenzione ordinaria Le parti, accuratamente imballate, sono state trasportate in laboratorio ove sono state oggetto degli interventi di restauro come di seguito descritto.